Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Acquisto di appartamento all’asta

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Il Condomino subentrante è tenuto al pagamento delle spese precedenti anche in caso di acquisto all’asta?

L’art.63 delle disposizioni di attuazione del Codice Civile costituisce un’applicazione del principio sancito dall’ultimo comma dell’art.1104 Codice Civile con la sola limitazione, riferita al condominio di edifici, che l’obbligazione del cessionario del partecipante, solidale con quello del cedente, riguarda soltanto i contributi relativi all’anno in corso e a quello precedente.

 

Tale obbligazione, che propter rem, si riferisce a chiunque, a qualsiasi titolo – ossia per convenzione o in dipendenza di aggiudicazione forzata – succede nella proprietà dell’immobile condominiale, pertanto, nel caso di successione nel rapporto di condominio e relativamente all’onere del pagamento dei contributi, non trova applicazione al disposto dell’art. 2919 codice civile. Tribunale di Bologna 06.05.2000  Di Giustino – Condominio di via Saffi n° 2 – 4 – 6  Bologna.

 

L’ipotesi di successione nel rapporto di condominio, soprattutto riguardo all’onere del pagamento dei contributi condominiali ex art. 63 att. c.c., non rientra nell’ambito del cosiddetto effetto “purgativo” della vendita forzata immobiliare, riguardante le trascrizioni ed iscrizioni pregiudizievoli, atteso che il suddetto articolo integra una norma speciale diretta a rafforzare la tutela degli interessi creditori del condominio di cui fa parte il bene staggito ed i cui oneri, poichè maturano anche successivamente al pignoramento , non possono essere posti a carico del condominio, in quanto riguardano un bene dalla cui vendita traggono beneficio i creditori della procedura esecutiva.