Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Apertura di una porta con collegamento tra fabbricati contigui

« Torna all’elenco delle domande frequenti

È possibile mettere in comunicazione un appartamento con altro confinante ma posto in un fabbricato adiacente e facente parte di altro condominio, mediante apertura di un varco nel muro perimetrale?

Il problema è stato di recente affrontato dalla Corte di Cassazione che ha ritenuto che tale attività costituisca creazione di servitù, non consentita senza il consenso unanime di tutti i condomini: “l’apertura di un varco nel muro perimetrale per esigenze del singolo condomino è consentita, quale uso più intenso del bene comune, con eccezione del caso in cui tale varco metta in comunicazione l’appartamento del condomino con altra unità immobiliare attigua, pur di proprietà del medesimo, compresa in un diverso edificio condominiale, poiché in questo caso il collegamento tra unità abitative determina la creazione di una servitù a carico di fondazioni e struttura del fabbricato”.

(Corte di Cassazione, Sezione II Civile, Sentenza del 6 febbraio 2009, n. 3035).

E più recentemente ha ulteriormente precisato che “tale utilizzazione, comportando la cessione a favore di soggetti estranei al condominio del godimento di un bene comune, ne altera la destinazione, giacchè in tal modo viene imposto un peso sul muro perimetrale che dà luogo a una servitù, per la cui costituzione è necessario il consenso scritto di tutti i partecipanti al condominio”.

(Cassazione civile sez. VI 5 aprile 2011 n. 7748).