Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Canne fumarie singole

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Manutenzione canne fumarie.

357/3. Canne fumarie

Nel caso di riscaldamento centrale, l’ordinaria manutenzione atta ad assicurare un adeguato tiraggio dei fumi attraverso le canne fumarie fa parte delle spese di riscaldamento centrale; la loro riparazione straordinaria o ricostruzione graverà invece, pro quota millesimale, su tutti i condomini serviti dall’impianto di riscaldamento centrale, ove il regolamento di condominio non disponga diversamente. Nel caso in cui venga a cessare l’uso dell’impianto di riscaldamento centrale non viene meno per questa ragione il compossesso dei singoli comproprietari sulla relativa canna fumaria, in quanto questa va considerata come un manufatto autonomo, suscettibile di diverse utilizzazioni (Cass., sentt. n. 1719 del 17.2.1995 e n. 10647 del 9.5.2007).

Nel caso di impianti autonomi di riscaldamento, le canne fumarie si dovranno ritenere (con tutte le conseguenze ai fini delle spese) di proprietà esclusiva se servono un’unica proprietà esclusiva, oppure di comproprietà limitata e separata dei condomini a cui servono, se non sono di uso collettivo. In pratica si applica, per tali canne fumarie, il 3° comma art, 1123 cod. civ., per la ripartizione delle spese di qualunque genere.

In caso di rottura, la canna fumaria va interamente sostituita, e non solo riparata, se l’esistente è inidonea per qualità e vetustà (Trib. Milano, sent. 26.8.1994).

Stampa l'articolo