Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Cassazione civile Sez. II ordinanza 22 settembre 2014 n. 19915

« Torna all’elenco delle domande frequenti

In tema di condominio negli edifici, non è automaticamente configurabile un uso illegittimo della parte comune costituita dall’area di terreno su cui insiste il fabbricato e posano le fondamenta dell’immobile, in ipotesi di abbassamento del pavimento e del piano di calpestio eseguito da un singolo condomino, dovendosi a tal fine accertare o l’avvenuta alterazione della destinazione del bene, vale a dire della sua funzione di sostegno alla stabilità dell’edificio, o l’idoneità dell’intervento a pregiudicare l’interesse degli altri condomini al pari uso della cosa comune“.

 

Sentenza che si pone in contrasto con altre precedenti pronunce che avevano ritenuto sempre ecl in ogni caso illegittima l’escavazione sotto il piano di calpestio infimo di proprietà esclusiva, in quanto accorpante in modo definitivo ed irreversibile il suolo comune.

Con la decisione in commento, invece, la S.C. ha ritenuto legittimo tale accorpamento a condizione che vengano rispettati i limiti di cui all’art. 1102 c.c.: nel caso di specie, evidentemente, non quello inerente il rispetto ciel decoro architettonico dell’edificio, ma quelli afferenti l’integrità e la sicurezza statica del fabbricato ed la salvaguardia del pari uso degli altri condòmini (in relazione a quest’ultimo aspetto assumerebbe rilievo, ad esempio, la possibilità di eventuale utilizzazione futura della parte di suolo comune accorpata dal singolo per opere o servizi di utilità personale di altri condùmini, oppure di interesse condominiale).