Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Costruzione di un nuovo balcone

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Abito in un condominio di 40 appartamenti e vorrei costruire un nuovo balcone in linea con quello sottostante. L’Assemblea di Condominio ha espresso parere contrario adducendo motivi di decoro architettonico. L’Amministratore da me interpellato mi ha comunicato che, senza l’autorizzazione unanime dei Condomini, non posso eseguire opere sulla facciata comune. Risponde al vero quanto dettomi dall’Amministratore?

L’argomento è un po’ più complesso, in ogni modo il suo Amministratore sbaglia dichiarando ciò che Lei mi ha riportato.

Come prima cosa occorre verificare se esiste un regolamento contrattuale e cosa prevede il rogito di acquisto.

Di seguito occorre verificare se il Condominio ove Ella abita è soggetto al vincolo delle Belle Arti o in zona paesaggistica.

Fatte le suddette ricerche e se non vi sono vincoli, soltanto allora Ella potrà rivolgersi ad un Tecnico con l’incarico di presentare regolare progetto alle autorità competenti, avendo cura a priori di accertarsi delle distanze e delle vedute, comprese quelle poste nella verticale del balcone che vorrebbe costruire, chiedendo ai vicini l’autorizzazione, qualora sia necessario.

Fatto quanto sopra con esito positivo, Ella potrà comunicare ai Condomini la Sua volontà di costruire il balcone mettendo a disposizione dei Condomini progetto, autorizzazioni e quanto altro necessario.

L’Assemblea di condominio non potrà opporsi per motivi architettonici in quanto non competente in materia. Può soltanto esprimere un giudizio.

Soltanto il Giudice, in caso di causa, può decretare la validità o meno dell’opera.