Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Facciate comuni e finestre private

« Torna all’elenco delle domande frequenti

L’assemblea dei Condomini può esprimersi circa le finestre private?

Ogni interferenza della Assemblea in ordine alle finestre private rischia di rendere eventuale delibera nulla. E’ bene che l’Assemblea esprima un “invito”.

Vedasi argomentazioni seguenti:

Installazione di inferriate alle finestre.

L’installazione di inferriate alle finestre a scopo di sicurezza deve ritenersi, in genere, legittima.  Secondo la Corte di Appello di Milano (sent. 14.4.1989) quand’anche l’opera cagionasse un pregiudizio economicamente valutabile, rispetto ad esso prevale l’interesse dei singoli condomini a tutelare la sicurezza dei propri beni e delle proprie persone.

Infissi di colore diverso dai restanti condòmini.

Anche in questo caso non esiste alcun obbligo del condomino a rispettare l’uniformità del coloredegli infissi – salvo che non vi sia un vincolo particolare nel regolamento contrattuale, o un vincolo richiesto dalla Sovrintendenza alle Belle Arti -.

Tuttavia occorre rammentare che spesso la sostituzione degli infissi avviene anche per contenere i consumi del riscaldamento, quindi ogni ingerenza della Assemblea è fuori luogo.

Installazione di doppi infissi alle finestre.

L’installazione di doppi infissi alle finestre di una proprietà esclusiva prospiciente sulla via pubblica si può considerare ininfluente sul decoro architettonico dell’edificio solo se il secondo serramento interclude solo i vani aperti antistanti le finestre stesse.

E’ però illegittima la realizzazione da parte di un condomino di una doppia finestra (mediante installazione di un secondo telaio a vetri sul lato esterno della stessa) se il condomino stesso non ha richiesto il preventivo assenso da parte dell’assemblea richiesto dal regolamento contrattuale di condominio (Cass., sent. n. 4509 del 21.5.1997).

Cosa ben diversa è, invece, la collocazione di un doppio infisso che intercluda come veranda spazi di balconi prima aperti creando un effetto tutto pieno laddove prima esisteva una alternanza fra vuoti e pieni (App. Milano, sent. 19.11.1991).