Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Ipotesi particolari

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Natura della presunzione di proprietà esclusiva

La presunzione semplice della proprietà esclusiva del muro di sostegno fra fondi a dislivello, che l’art. 887 cod. civ. pone, nei riguardi del proprietario del fondo superiore, ai fini della attribuzione dell’onere delle spese di costruzione e conservazione del muro stesso, non è applicabile all’azione possessoria di reintegrazione (Cass., sent. 18 gennaio 1982, n. 306),

Volontà contraria del proprietario del fondo inferiore
Nel caso di fondi a dislivello determinati da opere eseguite dal proprietario del fondo superiore contro la volontà del confinante proprietario del fondo inferiore, l’obbligo di costruire e mantenere il muro di sostegno fa carico al primo quale forma di risarcimento del danno, salva l’incidenza, in via di rivalsa, delle relative spese sul terzo che, con il consenso del proprietario obbligato, abbia eseguito quelle opere assumendone nei confronti di quest’ultimo le correlative
responsabilità (Cass., sent. 18 dicembre 1981, n. 6721).

Fondi extraurbani
La disposizione contenuta nell’art. 887 cod. civ., che disciplina la costruzione del muro di sostegno nel caso di fondi a dislivello negli abitati, trova applicazione anche negli agglomerati edilizi extraurbani (Cass., sent. 28 marzo 1980, n. 2060).

Fondi rustici
La disposizione dell’art. 887 cod. civ. che, per i fondi a dislivello negli abitati, pone sul
proprietario del fondo superiore l’onere della costruzione e manutenzione del muro di sostegno,
non si applica ai fondi rustici, in relazione ai quali, in conseguenza del divieto di danneggiare
gli altri, l’obbligo, per il proprietario del fondo superiore, di costruzione e manutenzione del
muro di contenimento ricorre solo nel caso di concreto pericolo di franamenti o smottamenti
verso il fondo inferiore (Cass., sent. 20 gennaio 1994, n. 473).

Beni di interesse storico, artistico e ambientale
Non costituiscono beni del demanio storico comunale le antiche mura di un centro medievale che non siano state fatte oggetto di un preventivo accertamento amministrativo e non siano state espressamente riconosciute d’interesse artistico o storico, ai sensi degli art. 1 e 2 della legge 1089 del 1.6.1939, a seguito di un procedimento valutativo di accertamento della qualità intrinseca del bene; con la conseguenza che tali immobili, pur avendo avuto in origine il carattere demaniale militare, non passano automaticamente nella categoria del demanio accidentale una volta perduta la loro attitudine alla difesa, ma rimangono assoggettati alla disciplina di diritto privato, compresa quella prevista dall’art. 887 cod. civ. per i fondi a dislivello (Cass., sent. 28 giugno 1985, n. 3871).