Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Messa in opera di un ascensore con appoggio al confinante

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Se l’ascensore privato viene installato in un cortile di proprietà privata e la muratura perimetrale, a cui questa colonna si appoggia, non è comune, non si applica la disciplina anti-barriere architettoniche (legge 13/89), per cui non è ipotizzabile nessuna deroga alle distanze legali. Questo, in Sintesi, il principio espresso dalla Corte di cassazione nella Sentenza 13358/2O16, che ha rigettato il ricorso del proprietario di un immobile che aveva realizzato un ascensore che si affacciava sul cortile di sua proprietà, senza rispettare le distanze legali rispetto alle finestre di un altro condòmino che si affacciavano sul medesimo.

La Corte di cassazione ha affermato che la legge 13/89 (articolo 3, comma 1), oltre ai cortili comuni o in uso comune a più fabbricati, riguarda anche i cortili interni indipendentemente dal regime dominicale. Ma l’obbligo di rispettare le distanze deriva, nella fattispecie dal comma 2 dello stesso articolo perché, come risulta dagli atti e dalla relazione della Ctu, non è condominiale il cortile e neppure la muratura perimetrale a cui si appoggia la colonna dell’ascensore. Quindi valgono le regole ordinarie sulle distanze.