Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Messa in opera di una canna fumaria sulla facciata condominiale

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Abito in un condominio con riscaldamento autonomo e dovendo adeguare alle normative di legge l’impianto del mio appartamento, ho necessità di mettere in opera una canna fumarla con appoggio alla facciata esterna condominiale. Ho interpellato l’Amministratore il quale mi ha negato l’autorizzazione, asserendo che non posso procedere se non ho il parere favorevole espresso dalla maggioranza dei condomini con delibero in assemblea straordinaria debitamente convocata. Ritenendo che ciò leda un mio diritto chiedo gentilmente un Vostro parere in merito. Ringrazio e saluto cordialmente.

IL LETTORE HA RAGIONE

È un suo diritto fare uso della facciata esterna  condominiale per l’appoggio della canna fumaria privata ad uso del proprio riscaldamento purchè rispetti le distanze minime e cioè cm. 75 dai balconi e dalle finestre di proprietà esclusive. Infatti il principio regolatore della fattispecie è quello di cui all’art. 1102 del C.C. e confermato da giurisprudenza consolidata. Tuttavia occorre segnalare che, ultimamente, secondo la più recente giurisprudenza, anche nel caso in cui l’appoggio della canna fumala non potesse avvenire, se non con distanze inferiori a quelle legali, il condomino potrebbe porre in opera la sua canna fumarla. Infatti la Cassazione Icon Sentenza n. 15394 del 01,12,2004) ha stabilito che nei casi simili, le norme relative alle distanze legali debbano essere subordinate a quelle dell’uso delle cose comuni per un interesse primario (come è quello della messa a norma dell’impianto di riscaldamento).