Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Modifica dei pluviali del tetto

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Il condominio ove abito, composto di 16 appartamenti, ha deliberato di modificare due calate di gronda che scaricano, con grandi disagi, sulla terrazza del mio appartamento posto al terzo piano, costruendo altre due calate posizionandole in due punti diversi nella facciata condominiale, con scarico diretto nelle fogne. L’Amministratore ha suddiviso la spesa sostenuta fra 8 condomini posti sul lato corrispondente alle calate di gronda di cui sopra. Per il momento mi sono rifiutato di pagare chiedendo all’Amministratore delle valide giustificazioni sul suo operato.

Salvo vincoli particolari inseriti nel rogito di acquisto, le grondaie ed i pluviali del tetto costituiscono pertinenze del tetto stesso. Pertanto la ripartizione di tali spese deve essere fatta con lo steso criterio usato per la ripartizione del tetto e cioè per millesimi di proprietà. Vedi sentenza della Cassazione 27 novembre 1990 n° 11423.

In tale senso si espresse pure la Cassazione in data 6 giugno 1973 n° 1923 come segue: “In sede di riparto delle spese di manutenzione del tetto, quel che veramente rileva non è tanto l’appartenenza del tetto medesimo ad alcuni o a tutti i condomini, quanto la funzione di copertura degli appartamenti, senza che con ciò peraltro si possa dire che solo i proprietari dei vani posti nella verticale sottostante alla zona da riparare siano tenuti alle relative spese, poiché non può, almeno in linea generale, ammettersi una ripartizione per zone di un medesimo tetto”.