Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Poteri decisionali dell’usufruttuario e nudo proprietario

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Quali sono le spese a carico del nudo proprietario e dell’usufruttuario?

Nel caso di unità immobiliare in condominio, l’usufruttario o il titolare del diritto di abitazione, a norma dell’art. 67 delle DD.AA. del Cod. civ., hanno diritto di essere invitati all’assemblea e di esprimere il loro voto per la quota millesimale spettante all’unità immobiliare, per i soli affari che attengono all’ordinaria amministrazione e al semplice godimento delle cose e dei servizi comuni.

A sua volta, il nudo proprietario dell’unità immobiliare ha diritto di essere invitato all’assemblea e di esprimere il suo voto per le decisioni di straordinaria amministrazione. L’art. 1108 Cod. civ. elenca, come atti di straordinaria ammini­strazione, le innovazioni di cui agli artt. 1120 e 1121 Cod. civ., gli atti di alienazione o di costituzione di diritti reali sul fondo comune e le locazioni di durata superiore a 9 anni, la costituzione di ipoteche a garanzia di mutui per la ricostruzione o miglioramento della cosa comune, nonché, genericamente (2° comma), «tutti gli altri atti eccedenti l’ordinaria amministrazione».

La distinzione fra ordinaria e straordinaria amministrazione, come sopra disegnata ai fini assembleari (invito all’assemblea, diritto di voto da attribuirsi all’uno o all’altro dei soggetti in argomento) può essere facilitata dalla lettura degli artt. 1004 e 1005 Cod. civ.