Studio Monti S.r.l.

faq – domande frequenti

Studio Monti - Centro Gestione Stabili | FAQ domande frequenti

Amministrazione di condominio, manutenzione condominiale, ripartizione spese tetto condominiale, sostituzione caldaia condominiale, disinfestazioni, pulizia scale, revoca, rumori molesti. In questa sezione lo Studio Amministrativo Monti - Centro Gestione Stabili risponde alle domande più frequenti sulle problematiche condominiali.
Potete consultare l'archivio cliccando su uno degli argomenti elencati oppure visitate la pagina dell'ESPERTO RISPONDE.

FAQ risposte alle domande frequenti

Recupero quota

« Torna all’elenco delle domande frequenti

Chi paga le spese condominiali, il proprietario reale o l’apparente?

In caso di azione giudiziale dell’amministratore del condominio per il recupero della quota di spesa di competenza di una unità immobiliare di proprietà esclusiva, è passivamente legittimato il vero proprie­tario di detta unità -e non anche chi possa apparire tale. (C.c.,’ art. 1123; art. art. 63) – Corte di Cassazione Sez. Un., 8 aprile 2002, n. 5035. Cassazione 27.07.2011 – Nota di Alessandro Ferretti.

I giudici del Palazzaccio accolgono il ricorso perchè una volta accertato – come affermato dallo stesso giudice di merito – che il proprietario dell’immobile per il quale si chiedeva il pagamento delle quote condominiali era persona diversa da quella cui l’amministratore aveva chiesto il pagamento, risultava consequenziale la revoca del decreto ingiuntivo e la dichiarazione di improcedibilità del procedimento giudiziario per mancanza di legitimatio ad causam dell’opponente.

Infatti, nel caso de quo, il passivamente legittimato è il vero proprietario dell’unità immobiliare e non anche chi possa apparire tale, poichè – secondo i giudici della Cassazione – difettano, nei rapporti fra condominio, che è un ente di gestione ed i singoli partecipanti ad esso, le condizioni di operatività del principio dell’apparenza del diritto, strumentale, essenzialmente, ad esigenze di tutela dell’affidamento del terzo in buona fede, ed essendo, d’altra parte, il collegamento della legittimazione passiva all’effettiva titolarità della proprietà funzionale al rafforzamento ed al soddisfacimento del credito della gestione condominiale.